Home Page

CAPRI LEONE (Sicilia - Messina) STORIA E DESCRIZIONE DELLA CITTA'

Home Page
Tel. 0941-950599 - 328-6923396 - 338-1144457 - mail: info@casealbergo.it

 

Le Foto di Oggi CAPRI LEONE (Sicilia - Messina) STORIA E DESCRIZIONE DELLA CITTA' Le Foto di Ieri

Capri Leone è una cittadina della Sicilia in provincia di Messina. Il territorio di Capri Leone si divide sostanzialmente in due parti; la prima, quella di Capri Leone si trova posizionata in collina a circa 6 Km dal Mar Tirreno; la seconda è invece rappresentata dalla frazione Rocca di Capri Leone situata sul livello del mare a circa 500 metri dal Mar Tirreno. La parte più sviluppata, sia demograficamente che dal punto di vista economico è Rocca di Capri Leone che conto circa 4400 abitanti. La Capri Leone collinare (che conta 350 abitanti) è invece posizionata a circa 600 metri sul livello del mare e là è conservata principalmente la parte storica del Comune. Tra le due località,  intercorrono circa 6 Km;Come detto Rocca di Capri Leone si trova sul livello del mare a circa 500 metri dal mar Tirreno ed è posta a metà strada tra Capo d'Orlando (a Km 4) e S. Agata Militello (a Km 6). Essa è facilmente raggiungibile tramite l'Autostrada A20 Messina - Palermo uscendo proprio  presso lo svincolo autostradale posto nella stessa città. Rocca di Capri Leone è localizzata, pressappoco, a metà strada tra le due città di Messina e Palermo sulla costa tirrenica. Di fronte Rocca di Capri Leone si trovano le Isole Eolie (vedi Foto) che possono essere raggiunte, a mezzo aliscafi, con partenze dai vicini porti di S. Agata Militello e Capo d'Orlando (entrambi i porti a Km 6 da Rocca di Capri Leone).
Il centro di Rocca di Capri Leone è posizionato in un contesto geografico ideale tra il mare, situato a circa 500 metri dall'abitato, le soprastanti colline che portano nella zona antica di Capri Leone centro, le vicine città turistiche di Capo d'Orlando e S. Agata Militello (a circa 5 Km) ed il suggestivo scenario delle isole Eolie, allocate in posizione prospiciente alla città.
Il cuore di Rocca di Capri Leone è rappresentato dalla Piazza Gepy Faranda (vedi Foto). L'ingresso in piazza Gepy Faranda viene salutato a mezzo di accoglienti tappeti erbosi posti ai margini della della Via Nazionale (vedi Foto).

Capri Leone, è "terra di arte sacra e di vari capolavori sconosciuti". E' questa la definizione più consona per dare un'idea dei tanti tesori, che il piccolo centro dei Nebrodi ancora racchiude tra le sue vecchie mura. Caratteristica e pregiata è la sua chiesetta di San Costantino, XVI secolo, posta a ridosso della piazza Vittorio Emanuele. All'interno della chiesa si può ammirare il battesimo di San Costantino, un dipinto di epoca seicentesca in "olio su tela" delle dimensioni di metri 5 per metri 3,5. Ai lati dell'unica navata sono situati altri due dipinti risalenti al 1720 che rappresentano rispettivamente l'Immacolata e la deposizione dalla Croce; entrambi sono "olii su tela" realizzati da un artista locale dell'epoca: il sacerdote Petrus Etta. Sul lato sinistro della chiesa, si trova, invece, la statua di San Costantino. Altra opera di primordine è una bellissima statua in marmo della Madonna, che presumibilmente rappresenta l'Immacolata, e di cui non si conosce con certezza l'autore, anche se molti attribuiscono la paternità al Gagini. A pochi passi dalla Chiesa, in un piccolo atrio di rimpetto alla piazza V. Emanuele, si possono ammirare le due caratteristiche fontane con i due Leoni.
Il primo leone è stato realizzato in cemento; il secondo, presumibilmente risalente al XV secolo, è in marmo rosso di San Marco. Ambedue sono stati scolpiti da artigiani locali.

Nella piazza Vittorio Emanuele si trova il palazzo baronale dei Filangeri che prese il nome dalla nobile famiglia che resse le sorti di Capri Leone per diversi secoli, anche se alternandosi per brevi periodi con altre famiglie di feudatari.

Altra opera da sottolineare, anche se attualmente versa in precarie condizioni e in stato di abbandono, è la Chiesa della Annunziata. Il campanile di questa chiesa risale al XV secolo. Sulle origini della chiesa gli storici non sono concordi, alcuni fanno risalire il fabbricato ai primi del 1300 altri al XVI secolo.

Anche la graziosa frazione di Rocca, nonostante la sua origine recente, può vantare opere degne di nota, come il palazzo Cupane, appartenente alla omonima famiglia, ancora in ottimo stato, la chiesa di Maria Santissima Rosario e quella di Nostra signora di Czestochowa ed infine il bellissimo Santuario dedicato Madonna del Tindari, ristrutturato nel 1986.

La chiesa Maria Santissima del Rosario, è stata realizzata agli inizi del 900 e successivamente ampliata. L'interno è ad un'unica navata e al centro conserva un trittico ligneo raffigurante la Madonna del Rosario con il Bambino, con ai due lati Santa Caterina e San Domenico.

L'opera, che fu donata alla chiesa da Salvatore Coco, fu eseguita da un artista calabrese nel 1933.

La chiesa di Nostra Signora di Czestochowa è stata ultimata ed inaugurata nel 1990. All'interno della Chiesa risalta un bellissimo altare in marmo rosa con quattro angeli in bronzo, di cui due sostengono un tabernacolo a forma di mappamondo, ed altri due reggono un quadro della Madonna nera polacca, autografato in originale e donato al paese di Capri Leone dal Papa Sua Santità Giovanni Paolo II. Il quadro fu donato dal Papa ad una delegazione del Comune di Capri Leone (in data 11 Marzo 1986 presso la sede del Vaticano), guidata dall'allora Sindaco Cav. Giuseppe Grasso.

Quando si pensa a Rocca di Capri Leone non si può prescindere dal collegare al grazioso paese il Santuario della Madonna del Tindari che domina tutta la città e dal quale si può ammirare un panorama favoloso. Dal picco del Santuario, infatti, è possibile ammirare nella sua interezza la città di Rocca di Capri Leone e buona parte della costa tirrenica nebroidea. Il Santuario è stato inaugurato nel 1986. I lavori di consolidamento ed arricchimento del santuario hanno anche interessato la sostituzione della preesistente e piccola Madonna del Tindari nell'attuale statua statua in vetroresina. Inoltre, è stata anche rappresentata la "Via Crucis" a mezzo di  originali particolari in bronzo (vai alla Foto).

Per gli amanti del mare la spiaggia più vicina è quella della attigua località Zappulla-Torrenova (a metri 500 circa da Rocca di Capri Leone) recentemente bonificata e resa fruibile per i cittadini. E' anche possibile accedere alle vicinissime spiagge di Torrenova (Km 2), Capo d'Orlando (Km 4), San Gregorio di Capo d'Orlando (caratteristica spiaggia con scogliere a Km 6) e S. Agata Militello (Km 6). Cliccando sui rispettivi links è possibile visualizzare le Foto di Rocca di Capri Leone, Capo d'Orlando, S. Agata Militello (Km 6)  e delle Isole Eolie.

Cookie Policy
Privacy Policy